Galateo, puntualità e ritardo

Galateo, puntualità e ritardo

La puntualità, per il galateo, è sempre obbligatoria?

Il dovere dell’attenzione verso il prossimo e la precisione (unita alla chiarezza) sono, come ben sappiamo, due concetti chiave del galateo: ne consegue che la puntualità, nella maggior parte delle occasioni, deve sempre essere rispettata.

Questo perché i nostri ritardi creano, inevitabilmente, disagi agli altri:

  • Se arriviamo in ritardo ad un concerto o al cinema, dobbiamo far scomodare le altre persone in fila per raggiungere i nostri posti, distraendole dallo spettacolo.
  • Arrivare in ritardo ad una riunione di lavoro, può privare gli altri colleghi del nostro contributo o, addirittura, impedirne il corretto svolgimento.
  • Tardare ad un appuntamento galante, per un uomo, può dare un’immagine negativa di sé, quella di persona inaffidabile e incapace di garantire sicurezza e protezione.

La puntualità è sempre, dunque, obbligatoria? La risposta è si, ma solo nel caso in cui il ritardo generi un disagio al prossimo.

Esistono, infatti, alcune situazioni in cui arrivare ad un appuntamento con qualche minuto di ritardo è preferibile (ed è consigliato dal galateo):

  • Un breve ritardo ad un invito a cena può permettere alla padrona di casa di dare gli ultimi tocchi in cucina, con maggior tranquillità.
  • Un ritardo della sposa (che, ricordiamo, non deve essere superiore ai 15 minuti ed è ammesso solo per il rituale in chiesa) può avere una grande utilità per il corretto svolgimento della cerimonia: quella di permettere agli invitati ritardatari di prendere posizione, allo sposo di raggiungere l’altare con tutta calma e a damigelle e paggetti di prepararsi per il corteo.
  • Un (breve) ritardo della donna ad un appuntamento, infine, può creare un piacevole clima di attesa nell’uomo, aumentando la propria desiderabilità.

Tralasciando i casi particolari, dunque, come dobbiamo comportarci se, vittime del traffico o delle difficoltà di trovare parcheggio, non riusciamo ad essere puntuali?

La risposa è piuttosto semplice: creare il minor disagio possibile agli altri. Pertanto:

  • Se ci troviamo al cinema e non abbiamo i biglietti numerati, ci siederemo sempre nei posti a margine del corridoio, evitando di far alzare le altre persone.
  • Se arriviamo in ritardo ad una riunione, dopo le brevissime (e dovute) scuse ai presenti, cercheremo, per prima cosa, di valutare se possiamo partecipare attivamente, senza farci riassumere i contenuti affrontati nei minuti persi (facendo così perdere tempo ai colleghi).
  • Se siamo in forte ritardo per un pranzo, avviseremo sempre la padrona di casa, in modo tale che possa decidere se attenderci o fare accomodare gli ospiti a tavola (cosa che avviene, sempre e comunque, se il ritardo supera la mezz’ora).

Mariarita.

Galateo, puntualità e ritardo

Foto dal web

 


 Da ricordare
Inizio di un evento
Il padrone di casa (può essere sostituito da un amico intimo della padrona, se single) apre la porta e riceve gli ospiti, aiutandoli a spogliarsi dei soprabiti e cappotti che vengono riposti nell’armadio o sul letto. Il momento dell'accoglienza è fondamentale perché, nelle relazioni sociali, la prima impressione è quella che conta: anche la scelta della musica dovrà essere fatta con cura. Il padrone di casa interviene anche in presenza di un cameriere.

 Non si fa
Affrontare una separazione
Non usare la parola "ex" da sola; il galateo ammette i termini "ex-marito" ed "ex-moglie", anche se la forma più elegante è chiamare il precedente coniuge per nome.