I saluti

La prima forma di contatto tra due persone.

Il galateo si occupa dettagliatamente dei saluti, definiti rituali di accesso utilizzando un termine tratto dalla sociologia. Il saluto è stato un gesto ricco di significato anche in passato:  dare la mano ad una persona significava, infatti,  comunicarle di non essere armati. Erving Goffmann è stato il primo sociologo a dedicare un attento studio ai saluti, sottolineandone l’importanza comunicativa.

  • Sono la prima forma di contatto tra due persone.
  • Sono un buon indizio del nostro stato d’animo.
  • Sono un valido strumento per comunicare quanto tempo a disposizione abbiamo da dedicare all’altra persona.

Attraverso i suoi studi Goffmann trasse alcune interessanti considerazioni:

  1. Quando due persone, che si conoscono, si rivedono dopo molto tempo, è assolutamente obbligatorio mostrare piacere reciproco, anche in caso di antipatia.
  2. Se ci si aspetta di essere salutati, qualunque atto, che eventualmente precede il saluto, viene interpretato come tale; occorre dunque fare molta attenzione alla gestualità.
  3. I saluti devono assumere sfumature diverse a seconda dei contesti: un abbraccio dato durante un addio dovrà essere molto più caloroso di quello dato a una persona che si rivedrà magari il giorno successivo.
  4. Il modo di salutare tra due persone può essere fortemente influenzato dal loro status sociale, pertanto occorre sempre essere a conoscenza del contesto in cui ci si trova.
  5. Quando si incontra una persona dopo molto tempo durante la serata, l’atteggiamento più comune è quello di salutarla calorosamente e nei successivi incroci non saper bene come comportarsi; in questo caso occorre attenuare progressivamente il saluto iniziale con larghi sorrisi, occhiate e cenni del capo prima di potersi  alla fine ignorare.
  6. Occorre prestare molta attenzione ad ogni particolare durante i commiati per evitare i cosiddetti addii sciupati, la classica situazione in cui ci si saluta calorosamente e poi si è costretti a tornare in casa per riprendere un oggetto che si è dimenticato.

Quando e come salutare

  1. Per la strada si salutano sempre tutte le persone che si conoscono, anche solo di vista, e si fa un cenno alle persone sconosciute che le accompagnano; salutare non implica il fermarsi a chiacchierare.
  2. Si salutano sempre le persone non ancora conosciute, nel caso si debba intrattenere con loro una breve conversazione: nei negozi, dunque, negli uffici, in banca, allo sportello della posta, alla cassa di un supermercato o al bar.
  3. Sul lavoro si salutano sempre i colleghi la prima volta che ci si incontra nella giornata.
  4. Si saluta prima di chiedere un’indicazione o l’orario per strada.
  5. In condominio, o comunque in un palazzo, si saluta per le scale, entrando e uscendo da un ascensore.

Il tema sarà comunque approfondito nel paragrafo Gerarchie e precedenze nei saluti.

 

I saluti

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Al bar
Nell'atto di consumare il caffè, se ci si allontana dal bancone, la tazzina deve essere tenuta appoggiata sul piattino, esattamente come per il caffè preso in casa.

 Non si fa
Il comportamento a tavola
Non distendere le gambe, per non disturbare il commensale che si trova di fronte.