I vari tipi di saluto verbale

“Ciao”, “Buongiorno”, “Buonasera” e le altre forme di saluto verbale.

  1. Ciao: è un saluto confidenziale, che dobbiamo rivolgere solo a conoscenti e amici. Non deve essere usato con estranei o in contesti formali (ad esempio non va usato verso la commessa di un negozio, né la commessa lo deve usare nei nostri confronti). Deriva da sciao (= schiavo), una parola di origine veneziana molto formale, che si usava verso i signori con il significato di servo vostro.
  2. Il ciao a distanza: questo saluto assume un significato diverso, formale o informale, a seconda del modo in cui viene eseguito:
    • La mano oscilla poco: rappresenta il ciao formale, trasmette freddezza e indica che la persona che saluta desidera mantenere le distanze.
    • La mano oscilla normalmente: la persona sorride, dimostra calore ed affetto, ma ci comunica che avrà pochissimo tempo da dedicarci a causa di un impegno.
    • Braccio che sventola: è un saluto riservato a un pubblico o a un gruppo di persone.
    • Dita che ondeggiano: gesto lezioso e ironico, riservato esclusivamente alle donne.
    • Pugno che si apre e chiude: gesto tipico dei bambini e molto affettivo, in quanto ricorda l’abbraccio; non è consigliabile ad un adulto.
  3. Buongiorno: può essere usato fino al tramonto e con chiunque.
  4. Buonasera: si usa dopo il tramonto e può essere usato con chiunque.
  5. Buonanotte: si usa esclusivamente prima di andare a letto (dunque in un contesto famigliare) oppure come saluto di congedo, dopo una serata che è terminata molto tardi.
  6. Salve: non è un saluto molto apprezzato dal galateo in quanto è usato in situazioni di indecisione. Tecnicamente, inoltre, non dovrebbe essere utilizzato, in quanto  è un termine latino e il galateo sconsiglia l’utilizzo di termini non italiani.
  7. Arrivederci: saluto generico per congedare una persona o un gruppo di persone. In Italia non si fa forte distinzione tra saluti di presentazione e di commiato; nel caso, tuttavia, vengano usati i saluti di commiato come “Arrivederci“, si dovrebbe riservare questo a persone che si conoscono e applicare invece l’espressione formale “Arrivederla” in contesti non confidenziali.
  8. Come stai: è una domanda formale poco amata dal galateo, che non implica un risposta reale. Si risponde sempre “Bene, grazie!“.
I consigli del gufetto saggio
La formula più corretta di saluto formale è sempre “Buongiorno” o “Buonasera”, dando del lei  fino a che la persona più importante propone di passare al tu.
L’esperienza insegna.
  • L’espressione “Buongiorno signora“, rivolta ad una donna, è molto elegante; non si può dire altrettanto di “Buongiorno signore“, che ha una sfumatura molto servile, ed è preferibile, pertanto, evitare.
  • Durante il congedo, è bene non usare frasi fatte e stereotipi di cattivo gusto, come “Tolgo il disturbo” o “Non vorrei farvi perdere altro tempo“, preferendo invece un semplice e neutro “Si è fatto tardi e devo andare“.

I vari tipi di saluto verbale

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Al bar
Nell'atto di consumare il caffè, se ci si allontana dal bancone, la tazzina deve essere tenuta appoggiata sul piattino, esattamente come per il caffè preso in casa.

 Non si fa
Il comportamento a tavola
Non distendere le gambe, per non disturbare il commensale che si trova di fronte.