Igiene personale

Come salvaguardare la propria salute e il proprio benessere fisico.

Curare l’igiene personale è molto importante, non solo per apparire al meglio, ma anche (e soprattutto) per prevenire le malattie.

  1. I capelli devono sempre essere puliti, con un taglio che valorizzi la forma e i lineamenti del volto. Se vengono sottoposti a tintura, il colore deve essere uniforme e non devono essere in alcun modo visibili segni di ricrescita.
  2. Barba e baffi, nell’uomo, devono sempre essere perfettamente curati e portati soltanto se si addicono alle proprie caratteristiche del viso: la barba, ad esempio, sta bene su una carnagione scura, ma può non essere gradevole su una pelle molto chiara.
  3. La depilazione, argomento che riguarda principalmente la donna, deve essere sempre molto accurata, in quanto i peli sfuggenti generano un effetto di notevole trascuratezza.
  4. Le sopracciglia devono essere ordinate, sia nell’uomo che nella donna.
  5. I profumi devono essere usati con discrezione. Il profumo, a tal proposito, è considerato un dono che un individuo fa alla persona che gli sta vicino e, pertanto, deve essere usato in dosi minime, in quanto non si deve avvertire a lunga distanza. Il galateo stabilisce che la quantità corretta di profumo è una goccia.
  6. Le unghie devono sempre essere perfettamente pulite e curate, soprattutto in presenza di smalto. Se la persona non ha il tempo per curare le unghie, è preferibile adottare uno smalto trasparente. Nel caso in cui le tonalità degli smalti siano dei colori molto forti o accesi, l’unghia deve essere portata sempre corta. Lo smalto si usa con discrezione e deve essere perfetto: meglio evitarlo che averlo sempre rovinato e scheggiato.
  7. La biancheria intima deve essere sempre perfettamente pulita.
  8. Le mani devono essere lavate di frequente e, sempre, dopo essere stati in bagno.
  9. I denti devono essere puliti, possibilmente dopo ogni pasto.
  10. Il corpo, nella sua interezza, dovrebbe essere di norma lavato almeno una volta al giorno.
  11. Il trucco: riservato alle signore e ai visi adulti, dovrebbe essere evitato dalle ragazzine in giovane età, che non ne necessitano. Il trucco si esegue sempre in privato.
  12. Abbronzatura: rende tutti più attraenti, nascondendo i difetti dell’epidermide e donando un aspetto sano e sportivo. L’abbronzatura pesante, tuttavia, è di cattivo gusto: la pelle, al massimo, deve essere ambrata.
  13. Tatuaggi e piercing: il galateo ammette i piccoli tatuaggi, ma solo se sono in numero ridotto; non è altrettanto tollerante, invece, nei confronti dei piercing.

igiene_personale

Dal galateo del matrimonio
  • Le unghie della sposa devono essere di lunghezza moderata, decorate con smalto trasparente, rosato o nude. Il giorno del matrimonio, l’unica protagonista delle mani è la fede nuziale, che non deve mai passare in secondo piano.
  • L’abbronzatura, per la sposa, è sempre da evitare, anche d’estate: questo per non generare un effetto di eccessivo contrasto tra l’abito bianco e il colore della pelle.
  • Il trucco ideale è fresco, naturale e soprattutto resistente: mascara a prova di lacrima e un rossetto di ottima qualità e tenuta.
  • capelli sono uno degli elementi che richiede maggiore impegno: la cura deve iniziare molti mesi prima del matrimonio, taglio e tintura devono essere fatti con giusto anticipo e mai all’ultimo momento.
I consigli del gufetto saggio
L’abito da sposa “veste” di per sé già molto: tralasciando l’abbronzatura e il trucco marcato, si eviterà di appesantirlo.

Igiene personale

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Al bar
Nell'atto di consumare il caffè, se ci si allontana dal bancone, la tazzina deve essere tenuta appoggiata sul piattino, esattamente come per il caffè preso in casa.

 Non si fa
Il comportamento a tavola
Non distendere le gambe, per non disturbare il commensale che si trova di fronte.