Il commiato degli sposi

Arrivederci a tutti e finalmente soli: il commiato degli sposi.

  1. Il commiato degli sposi può avvenire, ovviamente, soltanto dopo la conclusione del rito del taglio della torta.
  2. Se al taglio della torta segue un ballo, tuttavia, gli sposi dovranno ancora intrattenersi al ricevimento: ricordiamo, infatti, che le prime tre danze di un ballo nuziale vedono protagonisti gli sposi e i loro genitori, dunque la loro presenza è indispensabile.
  3. Esistono vari modi per congedarsi dagli ospiti, tutti egualmente corretti:
    • Uscita anticipata tradizionale: gli sposi lasciano il ricevimento prima degli invitati, facendo un giro nella sala per salutare gli ospiti. In questo momento può avvenire la consegna delle bomboniere (o dei sacchettini di ringraziamento) oppure, in alternativa, la sposa può offrire i confetti, prendendoli con un cucchiaio da un vassoio d’argento portato dallo sposo.
    • Uscita anticipata riservata: gli sposi lasciano il ricevimento prima degli invitati, limitandosi a salutare solo gli ospiti più importanti.
    • Uscita anticipata romantica: gli sposi lasciano il ricevimento prima degli invitati a bordo di un’auto, tra i saluti degli invitati.
    • Uscita ritardata classica: gli sposi si posizionano all’uscita della sala e salutano gli ospiti man mano che lasciano il ricevimento. Di solito, in questo momento, avviene la consegna delle bomboniere o dei sacchettini di ringraziamento.

Il commiato degli sposi

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Come presentarsi a un appuntamento
Essere intellettuali ma non saccenti (il saccente è colui che esalta la propria cultura personale, facendo sentire gli altri ignoranti).

 Non si fa
Regali da evitare
Crisantemi: in Italia sono considerati fiori da cimitero e, pertanto, non vanno mai regalati.