Il lutto

Il lutto, uno dei momenti più tristi della nostra vita.

  1. Telegramma: è opportuno solo per le famiglie dei conoscenti, con cui non si hanno rapporti stretti; per le persone vicine (amici stretti o parenti) è sempre necessario il biglietto di condoglianze.
  2.  Biglietto: rigorosamente scritto a mano non deve contenere frasi fatte, sempre sconsigliate dal galateo, come il semplice e freddo “Condoglianze“, o ancor peggio la sigla “P.c.” (per condoglianze).
  3. In situazioni più formali, il biglietto può essere sostituito dalla partecipazione sul giornale: solo nomi e cognomi, senza alcun titolo, e, nel caso di una coppia, con il nome del marito che precede sempre quello della moglie, prima del cognome.
  4. Necrologio: deve essere semplice e discreto.
  5.   Al funerale sono d’obbligo colori scuri o neutri, cravatte poco vistose per l’uomo e scarpe chiuse, anche d’estate, per la donna.
  6. In chiesa non si fanno presentazioni, conversazioni ed è vietato ogni atteggiamento di curiosità.
  7. Gli occhiali da sole possono essere indossati dalle persone più afflitte, per coprire i segni del dolore, e tenuti durante eventuali conversazioni (unica eccezione ad una regola rigida del galateo, che impone di levarli, sempre, parlando con una persona).
  8. Qualche tempo dopo il rito funebre, è sempre necessario fare i ringraziamenti, ricorrendo al manifesto di ringraziamento, al più tradizionale biglietto listato a lutto, oppure ad un biglietto da visita siglato a mano con “P.r.” (per ringraziamento).
  9. No all’uso della fototessera nei ricordini, preferendo sempre una foto scattata in un momento di serenità.

Il lutto

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Come presentarsi a un appuntamento
Essere intellettuali ma non saccenti (il saccente è colui che esalta la propria cultura personale, facendo sentire gli altri ignoranti).

 Non si fa
Regali da evitare
Crisantemi: in Italia sono considerati fiori da cimitero e, pertanto, non vanno mai regalati.