Il menu

Consigli di carattere generale per la realizzazione di un buon menu.

  1. Le portate dovrebbero essere decise in base alle preferenze degli invitati (è una buona abitudine quella di tenere un taccuino su cui annotare i gusti di amici e conoscenti, utile anche per evitare di offrire, più di una volta, lo stesso menu alle medesime persone).
  2. Di regola il menu dovrebbe comprendere almeno tre portate e non più di cinque.
  3. Se un invitato non gradisce una portata presente nel menu, che sia già stata servita, semplicemente la può lasciare nel piatto, senza fare commenti; la padrona di casa, senza risentimenti, la porterà via senza fare domande. Stessa situazione per un vegetariano cui viene servito un piatto di carne.
  4. E’ sempre buona norma, in fase di invito, chiedere informazioni sulle preferenze in fatto di cibo. Questa regola vale in particolare per i menu a tema (cena a base di funghi, di carne oppure di pesce, ad esempio).
  5. Il menu deve essere preferibilmente semplice e collaudato, servendo piatti che, con alta probabilità, piaceranno a tutti. Solo con gli amici che si invitano spesso, e con cui si è in buona confidenza, è consigliabile sperimentare nuove ricette.
  6. Il menu di mezzogiorno è sempre più ricco e sostanzioso di quello della sera, dove non sarebbe corretto, per esempio, offrire salumi o formaggi. A pranzo, di conseguenza, è meglio servire la pasta (preferibilmente lavorata a mano), mentre a cena sono più indicate minestre e vellutate. Gli antipasti della cena, inoltre, dovrebbero essere preferibilmente caldi.
  7. Sono ammesse cene composte, prevalentemente, da piatti di gastronomia, a patto che i padroni di casa preparino, con le proprie mani, almeno una o due portate.
  8. Evitare l’utilizzo di aromi troppo forti o l’uso eccessivo di aglio e di peperoncino, affinché gli invitati non si sentano a disagio.
  9. Il menu deve essere bilanciato, preferendo i piatti di stagione. Deve essere inoltre vario (abbinando cibi morbidi e croccanti e tenendo conto delle esigenze di ospiti vegetariani o celiaci)) e il più semplice possibile.
  10. Carne e pesce possono coesistere nello stesso menu, ma devono rappresentare due portate distinte.
  11. I cibi seguono la regola dei vini e si portano in tavola in ordine crescente di sapore. Il pesce, pertanto, sarà sempre servito prima della carne.
  12. Per i secondi occorre sempre prevedere due contoni: per gli arrosti uno di questi dev’essere per forza l’insalata.
  13.   Evitare che in uno stesso menu ci siano due ricette che contengono gli stessi ingredienti, salvo casi particolari (il menu a tema), e che due piatti abbiano lo stesso tipo di cottura.
  14. Evitare la monotonia, come preparare un menu monocolore (a meno che non sia il tema della serata) oppure offrire solo pietanze calde in inverno o cibi freddi nei mesi estivi.
  15. Si ricordi che è sempre sconsigliato realizzare menu monocolore, ma anche servire due portate dello stesso colore consecutivamente.
  16. La torta è un dolce riservato ad occasioni importanti: in tutte le altre situazioni, dunque, sarà più corretto prevedere un dolce al cucchiaio.

il_menu

I consigli del gufetto saggio
  • Non sono ammesse a tavola discussioni sulle portate presenti nel menu né, più in generale, sul cibo.
  • Molto gradito il complimento alla padrona di casa su un determinato piatto, senza però chiedere la ricetta (richiesta che potrà essere fatta a partire dal giorno seguente) o scendere nei dettagli della preparazione.
  • E’ vietato alla padrona di casa, sempre, sottolineare la qualità del cibo servito: per il galateo l’eleganza consiste, in primo luogo, nel non mettersi in mostra.
Dal galateo del matrimonio
Le regole generali del galateo relative al pranzo, sono a tutti gli effetti valide per la realizzazione del menu nuziale.

  • Se si tratta di un pranzo placé (da seduti), non dovrebbe comprendere più di cinque portate (l’ideale è quattro, se l’aperitivo di benvenuto è abbondante).
  • Deve essere bilanciato, preferendo i piatti di stagione.
  • Deve essere vario (tenendo conto delle esigenze di ospiti vegetariani o celiaci).
  • Non deve avere due portate che contengano gli stessi ingredienti o che abbiano lo stesso tipo di cottura.
  • Non deve essere monocolore.
  • Non deve essere a tema: l’occasione è molto speciale e non si può correre il rischio che gli invitati finiscano per ritrovarsi in tutte le portate un ingrediente non gradito.

Il menu

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Al bar
E'consentito intingere pezzi di brioche, mai fare la zuppetta con la brioche intera.

 Non si fa
Il comportamento a tavola
Non ci si passa mai il piatto, per condividere del cibo eventualmente avanzato.