Importanza della tavola

La tavola, scenografia di momenti bellissimi della nostra vita.

  1. La tavola è un piccolo mondo in miniatura: tantissimi momenti importanti della nostra vita si sono svolti, e si svolgeranno, durante un pasto.
  2. La tavola è, infatti, uno spazio attorno al quale una persona instaura relazioni con gli altri commensali: stare a tavola significa, pertanto, apprendere alcune regole di base che ci permettano di interagire liberamente ma, nello stesso tempo, di adeguarci alle altre persone e all’ambiente che ci circonda.
  3. Le regole del galateo che si applicano a tavola rappresentano un codice condiviso, che tutti noi abbiamo il dovere di imparare, in modo tale che i nostri gesti a tavola siano sempre i più adeguati, sia durante un pranzo formale che informale.
  4. Alla base del comportamento a tavola sta la spontaneità dei gesti (ecco perché è bene esercitarsi durante i pasti di tutti i giorni a mantenere un buon atteggiamento) e la capacità di sapersi adeguare al comportamento degli altri (se, durante un pranzo, tutti mangiano la frutta con le mani, dovremo fare altrettanto, per non rovinare l’armonia tra i commensali).
  5. Il pranzo è un momento in cui la persona ospite percepisce, in modo molto diretto, la cura e l’attenzione che le sono rivolte da colui che ha eseguito l’invito: è pertanto importantissimo, in casa, badare a tutti i dettagli, oppure, se si pranza fuori, scegliere un ottimo ristorante.

Importanza della tavola

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Al bar
Nell'atto di consumare il caffè, se ci si allontana dal bancone, la tazzina deve essere tenuta appoggiata sul piattino, esattamente come per il caffè preso in casa.

 Non si fa
Il comportamento a tavola
Non distendere le gambe, per non disturbare il commensale che si trova di fronte.