Le portate del menu

Un breve schema riassuntivo sulla composizione delle portate.

Alcune, come si vedrà,  sono più adatte a mezzogiorno, altre di sera.

A mezzogiorno Di sera
Antipasti Possono essere caldi o freddi e comprendere insaccati e verdure sott’olio. Dovrebbero essere preferibilmente caldi. Sono comunque ammessi
antipasti freddi a base di caviale, salmone e ostriche. Da evitare gli insaccati.
Primi Pasta (meglio se lavorata a mano) oppure riso. Sono molto adatte le minestre, i brodi e le vellutate; in
alternativa il riso.
Secondi Portate di carne o pesce. Portate di carne o pesce.
Formaggio Non si serve mai.
Dessert Preferibili i gelati, i semifreddi, i sorbetti e i budini.
Frutta  Non è obbligatoria nei pranzi formali. Non è obbligatoria.

le_portate_del_menu

I consigli del gufetto saggio
  • Se il pranzo prevede un secondo a base di pesce e uno a base di carne, sarebbe bene intervallare le due portate con un sorbetto digestivo (limone, arancia …) oppure un calice di champagne.
  • La frutta, quando viene servita in un pranzo formale, dovrebbe essere maneggevole: molti tipi, infatti, sono estremamente difficili da trattare con le posate. Anche per questo motivo non è obbligatoria.
  • Le torte si servono soltanto per celebrare occasioni particolari. In tutti gli altri casi, è molto più adatto un dolce al cucchiaio.

Le portate del menu

Foto dal web



Argomenti correlati:

 


RECENSIONI
I migliori libri di galateo e le guide più autorevoli al matrimonio, consigliati da Maison Galateo.

Le recensioni di Maison Galateo


IN PRIMO PIANO
recensione_abito_da_sposa   recensione_matrimonio_da_sogno   recensione_abito_dei_sogni   recensione_il_tovagliolo_va_a_sinistra   


 Da ricordare
Il telefono cellulare
Per galanteria, un uomo in compagnia di una signora dovrebbe sempre tenere spento il telefono cellulare.

 Non si fa
Il primo appuntamento
Mai parlare in modo negativo di precedenti storie d'amore non andate a buon fine: parlar male di un’altra persona contribuisce, inevitabilmente, a dare un’immagine pessima di se.